Kanten alle pesche (Peach kanten)

27/09/2013

Kanten alle pesche (Peach kanten)

 

Immaginate uno stomaco fuori uso come una vecchia macchina con il radiatore fumante piantata nel bel mezzo del deserto. Neanche la consolazione di vendicarsi con un paio di calci sulle ruote prima di proseguire a piedi. Lo stomaco ti molla e tu non puoi mollare lui. Ora immaginate la debolezza provocata da una intera giornata di digiuno forzato. E la fatidica domanda, il giorno dopo: “cosa diavolo potrei mangiare?”.
 
Se la vostra filosofia è “a stomaco vuoto non si combatte” sono guai seri quando quest'ultimo vi pianta in asso. Ma se succede, può essere una buona opportunità per ricorrere all'aiuto di ingredienti salutari. Ad esempio l'agar-agar, un'alga particolare venduta in erboristeria o nei negozi di cibi biologici sotto forma di polvere, fiocchi o barre e usata come gelificante (un po' come la colla di pesce). Il suo gel ha un effetto benefico sullo stomaco e così ho deciso di usarla per preparare un kanten, ossia una gelatina dolce alla giapponese, usando come base le pesche.
 
Ho sbucciato 2 belle pesche a polpa gialla, le ho tagliate a pezzi, le ho messe in una pentola (che ho prima pesato sulla bilancia), le ho coperte di acqua fredda e ho frullato bene il tutto con il frullatore ad immersione. Ho dolcificato con malto di riso, aromatizzato con un paio di gocce di essenza di vaniglia e poi ho pesato il liquido mettendo la pentola sulla bilancia e sottraendo la tara (potete però anche versarlo momentaneamente in un contenitore graduato per fare prima!). Ho calcolato la quantità di polvere di agar-agar necessaria per il peso risultante, l'ho aggiunta al composto e poi ho messo la pentola sul fuoco, perché il frullato di frutta potesse addensarsi e gelificare. Dopo aver fatto sobbollire per circa 5 minuti mescolando, ho versato il composto in quattro belle coppe di cristallo acquistate presso il mercatino dell'usato sotto casa. Se devo mangiare come un uccellino, almeno mangerò con stile! Infine, ho lasciato addensare il kanten in frigo e per servire ho decorato le coppette con mandorle tagliate a lamelle.
 
Questo dessert ha tutta la forza e la positività del sole, ma è leggero, non contiene latticini né farine o zucchero bianco. E' quindi gluten-free e per questo adatto ai celiaci e a chi soffre di intolleranze alimentari. E in più l'agar-agar accarezza lo stomaco accelerando il processo di guarigione naturale. Cosa si potrebbe chiedere di più ad un dessert?
 

................

 
Imagine your stomach completely out of order like a car stuck in the sands of the desert with a smoking engine. You cannot just kick it in anger and keep going on walking. You have one stomach only! Now, imagine your weakness after a whole day of fasting. And a new morning with a dilemma: “what could I eat in this situation?”.

If your philosophy is “never fight an enemy when your stomach is empty” then you'll have very hard times the day it abandons you. But this could also be a good opportunity to use natural healthy ingredients to recover. Agar-agar, for example, is a type of seaweed sold in form of powder, flakes or strips that is used to obtain vegetarian jellies good in flavour and for the stomach's health. So I used it to prepare a kanten (a Japanise kind of jelly) with fresh peaches.

I peel 2 beautiful yellow peaches, I cut them into pieces and then I put them in a saucepan I previously weighted (empty) on a scale. I cover the peach pieces with cold water, then I reduce them to cream using an immersion mixer. I add a spoon of rice malt, a couple of drops of vanilla essence and then I put the saucepan on the scale to weight the liquid inside. I calculate the exact amount of agar-agar powder needed, add it and mix again. After 5 minutes of gentle boiling and stirring I pour the hot peach cream in 4 cleaned crystal glasses bought at the second-hand market near my home. If I have to eat less, then I'll do it with style! Finally, I put the glasses in the fridge to make kanten firm up. I decorate with almond flakes and serve them fresh (not cold!).

This fruit dessert contains all the positivity and strength of the sun, it is light, gluten-free, diary-free and contains no flour or white sugar. Agar-agar caresses your stomach helping it to recover. What else could be asked to a dessert?
 

 

 

comments powered by Disqus

Seguimi

 

Cerca

 

  • Bloglovin