La cosa più semplice

10/04/2015

La cosa più semplice

 

 
Affondo le mie mani nella farina. Farina di ottima qualità acquistata online, macinata a pietra. Aggiungo l'acqua e si forma un impasto appiccicoso che profuma di buono. Così idratato riposerà coperto per un po', in attesa di ricevere la sua dose di pasta madre e iniziare a lievitare.
 
Per un buon pane ci vuole cura.
Ci vuole cuore.
Lunghe ore di attesa prima di dargli forma e vederlo finalmente alzarsi e colorire in forno.
Quel profumo semplice e antico.
Quel “crick-crak” che fanno le pagnotte dopo un po' che le hai sfornate.
Basta tendere l'orecchio per sentirlo. Scricchiolano di gioia.
 
Silvio Paoselli, il “mugnaio buono” del Mercato Contadino dei Castelli Romani, si è suicidato a marzo alla vigilia del Pasta Madre Day 2015. Le banche gli avevano portato via l'antico mulino che era tutta la sua vita. L'hanno messo all'asta, a vantaggio di speculatori immobiliari senza scrupoli.
 
E' questa – e non quella degli spot entusiastici e patinati sul valore del food con cui ci martellano da mesi – la realtà italiana dietro Expo 2015.
 
Il nostro paese ha perso da tempo la sua sovranità alimentare. Quanti di voi, appassionati di ricette e fan di Masterchef, sanno davvero cosa significa?
 
Ma da dove credete che arrivi il cibo?
 
Questo dovrebbe essere l'anno del food. In Italia lo festeggiamo con:
 
- un'Expo che vede al posto d'onore potenti multinazionali come Mcdonald's e Coca Cola.
- l'istituzione dell'Imu sui terreni agricoli.
- la progettata distruzione di ettari di ulivi salentini causa Xylella.
- la chiusura ormai prossima del Corpo Forestale dello Stato, che aveva portato alla luce lo scandalo della “Terra dei fuochi”.
 
Il suicidio di Silvio Paoselli è una sconfitta per l'Italia. Silvio, che aveva raccolto con amore e sacrificio antichi macchinari agricoli per preservare la memoria delle tecniche di una volta, si era dedicato al recupero dei grani antichi. Quelli da cui si produce quella farina di qualità che rende il pane un alimento sano e nutriente. E buono davvero.
 
Il pane, la cosa più semplice.
 
Anche se non lo conoscevo personalmente, adesso Silvio Paoselli mi viene in mente ogni volta che vedo un pacco di farina buona. Non riesco a dimenticare la notizia.
L'Italia ha perso uno dei suoi ultimi mugnai.
Cara Expo, tu stai fallendo in partenza.
 
 
Nb: una doverosa precisazione. La foto di questo post risale all'estate scorsa. Panificare con la pasta madre mi ha aperto un mondo. E spero di tornare ad avere presto la possibilità di rimettermi all'opera.

  

comments powered by Disqus

Seguimi

 

Cerca

 

  • Bloglovin