The Ultimate Risotto

21/11/2016

The Ultimate Risotto

AGGIORNAMENTO

L'intervista è stata effettuata e, per quelli che non l'hanno potuta ascoltare in diretta, ho ricevuto dalla radio un file audio. Purtroppo essendo un file audio non posso pubblicarlo sul blog e neanche nella pagina Facebook de La Reflex nel piatto. Perciò se volete ascoltarla scrivetemi, ve la invierò per wetransfer!

Intanto, come promesso, ecco qui la ricetta e il racconto di come è stata scattata questa foto.

Partiamo dagli ingredienti

1 mazzo di asparagi freschi

Riso per risotti (scegliete una varietà a chicco tondo)

Burro

Acqua

Curcuma

Sale

Come vedete, si tratta di una ricetta minimal per quanto riguarda gli ingredienti. Per lo scatto, invece, è stato necessario effettuare una certa preparazione.

Tanto per cominciare, se scattate la foto ad un risotto dovete prevedere una soluzione per renderlo "tridimensionale".

Avete presente il risotto servito nei ristoranti?

Si usa un piatto piano e lo chef dà alcuni colpetti a mano aperta sul fondo del piatto per stenderlo bene. Si ottiene così una distesa piuttosto uniforme. Peccato però che questa immagine risulti assolutamente piatta e per nulla interessante messa di fronte all'obiettivo.

Un deserto di chicchi anonimo.

Inoltre, tanto per complicare le cose, il risotto tende ad asciugarsi in tempi rapidissimi, assumendo, mentre voi cercate l'inquadratura perfetta, un aspetto poco invitante all'occhio.

Insomma, fotografare il risotto è una lotta. Questo è uno di quei casi (neanche tanto rari, per la verità!) in cui uno scatto in apparenza semplice richiede al food blogger un grosso impegno per ottenere risultati apprezzabili. Occorre uno styling attento di tutti gli elementi (food e non food), una perfetta organizzazione e la sincronizzazione di tutte le fasi pre e durante lo scatto.

Se - come me - fate tutto questo da soli e a casa vostra, avvertirete un campanello d'allarme ogni volta che qualcuno vi chiederà di fotografare un risotto.

Fortunatamente però questo risotto agli asparagi vi compenserà con la sua semplicità e il suo ottimo sapore quando, alla fine di un pomeriggio di strenua lotta in nome della qualità nella fotografia food, vi ritroverete con alcuni scatti accettabili ma con la cucina totalmente a soqquadro e un set simile ad un campo di battaglia appena bombardato.

Io questo risotto lo faccio "ad occhio", ed ecco come procedere.

Tagliate a pezzetti, dopo averli lavati, e "spelati" nella parte più dura del gambo, gli asparagi, lasciando per il momento a parte le punte. Mettete a bollire l'acqua in un pentolino. Versate le rondelle dei gambi di asparagi e fatele sobbollire finché l'acqua non sarà di un verde smeraldo intenso. A questo punto, aggiungete mezzo cucchiaino di curcuma e mescolate bene, continuando a far sobbollire.

Questo sarà il brodo per il vostro risotto. Le punte degli asparagi le aggiungerete al brodo qualche minuto prima che il riso sia portato interamente a cottura, usandone alcune per decorare i piatti. Dovranno essere cotte ma ancora croccanti e di un verde brillante.

Quindi, procediamo con la preparazione. Tostate il riso nel burro spumeggiante (io uso un'ampia padella antiaderente) e versate un mestolo di brodo di asparagi alla volta, continuando a mescolare. Ovviamente nel mestolo vi saranno anche le rondelle di asparago. Completate la cottura del riso assicurandovi di aver aggiunto tutte le rondelle e parte delle punte. Aggiustatelo di sale. Mantecate con un pezzetto di burro e - se volete - con un goccino di panna.

Versate nei piatti, decorate con le punte di asparagi tenute da parte e servire immediatamente. 

E con questa ricetta semplice e pratica vi diamo anche un annuncio: La Reflex nel piatto entra in "letargo" per un po'.

L'intervista radiofonica è arrivata in un momento in cui stavo riflettendo da tempo su alcuni cambiamenti che desideravo effettuare per questo blog. Per un po', dunque, ci chiuderemo in una sorta di bozzolo. Voi dall'esterno non vedrete nulla, ma all'interno matureremo, un po' alla volta, una nuova direzione e una veste totalmente rinnovata. 

Ad maiora!

xxxx

Annarita

comments powered by Disqus

Seguimi

 

Cerca

 

  • Bloglovin